L’Associazione

foto per servizio centro diurno (3)

L’ASSOCIAZIONE

L’Associazione L’isola che c’è è nata il 30 marzo 2001,su iniziativa di genitori di ragazzi disabili, ed è iscritta al registro delle organizzazioni di volontariato della Regione Lazio nella sezione Servizi Sociali, determinazione n° D0913 del 5 giugno 2003.
L’Associazione, oltre alla sede legale, usufruisce di altre tre sedi operative, tutte ubicate in Monte Porzio Catone: Vicolo del Soccorso, 10 – Via Verdi, 33 – Via Diaz, 9.
Opera sul territorio del distretto sanitario RM H1 e da quindici anni è impegnata in attività che mirano all’inserimento sociale di persone con disagio e disabilità, ed allo sviluppo della loro autonomia.
L’intera attività svolta dall’Associazione ha sempre voluto contribuire al sostegno per l’autosufficienza, al conseguimento del grado massimo di autonomia personale possibile, a stimolare la socializzazione, a sostenere la famiglia, a ridurre il rischio di emarginazione e istituzionalizzazione.
Ha inoltre operato sull’autonomia intesa come sinonimo di crescita, emancipazione, in un’accezione positiva, che si declina come capacità di fare delle scelte, attraverso la valorizzazione del gruppo, e nel rispetto dell’unicità della persona, rispondendo al bisogno di stabilità inteso come riferimento, sicurezza e serenità.
L’associazione, ha operato in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Don Milani del comune di Monte Porzio Catone, e tuttora collabora con le strutture territoriali socio-educativo-assistenziali, quali l’Istituto Tecnico Industriale E. Fermi e l’Istituto Professionale M. Pantaleoni del Comune di Frascati, il Servizio UONPI del Distretto H1, i Servizi Sociali del Comune di tutto il distretto.
Nel corso degli anni, sono stati attivati diversi laboratori e, attualmente sono attivi:

  • cucina,
  • pittura,
  • coro delle mani bianche
  • danza educativa,
  • riciclaggio creativo,
  • sportello di ascolto per le famiglie,
  • acquerello

I laboratori, al loro completamento, danno vita a momenti di sintesi delle attività svolte attraverso mostre, esposizioni, rappresentazioni teatrali e musicali, partecipazione a manifestazioni locali anche attraverso la presenza della cittadinanza e di rappresentanti pubblici.
Parte delle attività attualmente non attive, sono comunque presenti nei laboratori in corso in forma sinergica (es. l’uso del PC, della macchina fotografica e della cinepresa, la danza all’interno del teatro, ecc.) .
Nei periodi estivi, l’Associazione organizza poi centri estivi sempre rivolti a ragazzi disabili svolti con l’ausilio di personale specializzato.
Negli anni che vanno dal 2008 al 2010, l’Associazione ha, inoltre, dato vita, in via sperimentale, ad un progetto casa-laboratorio denominato “Casa di Silvia” che ha visto coinvolti n. 11 ragazzi con disabilità cognitiva di grado medio. Tale progetto si può considerare il prototipo dell’attuale “Autonomia e libertà”.
Negli ultimi cinque anni, l’Associazione è in partenariato con il Comune di Monte Porzio Catone nella gestione del Centro diurno “Autonomia e libertà”, progetto dei Piani di Zona del Distretto socio – sanitario RMH1.
Nel 2016, sulla base della necessità di trovare una forma giuridica più adatta nel gestire le varie attività, l’Associazione ha dato impulso alla creazione di una cooperativa sociale di tipo A che, condividendone il nome, ne condividesse spirito e obbiettivi, e ne permettesse una ulteriore crescita.
Dall’ottobre 2015, l’Associazione ha ottenuto dei locali dal Comune di Monte Porzio Catone dove ha attivato dei laboratori che gestisce con la Cooperativa per la produzione di oggetti di “artigianato”. L’impegno dell’Associazione e della Cooperativa è rivolto a far crescere tale attività e alla realizzazione di un Laboratorio permanente che impieghi lavorativamente i ragazzi, in maniera seria e costante, prevedendo, per il futuro, una reale commercializzazione dei prodotti realizzati (bomboniere, gadget, etc…) in maniera tale da arrivare ad autosostenersi.

Ti piacciono le nostre iniziative? Condividile con i tuoi amici!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest